lunedì 13 ottobre 2008

I modi di vedere: Sette spose per sette fratelli (2)

Seven Brides for Seven Brothers, di Stanley Donen (1954) Sceneggiatura di Stephen Vincent Benet, Albert Hackett, Frances Goodrich, Dorothy Kingsley Con Howard Keel, Jeff Richards, Russ Tamblyn, Tommy Rall, Marc Platt, Matt Mattox, Jacques d'Amboise, Jane Powell, Julie Newmar, Nancy Kilgas, Betty Carr, Virginia Gibson, Ruta Lee, Norma Doggett, Ian Wolfe Musica: Gene de Paul Fotografia: George J. Folsey Coreografia: Michael Kidd (102 minuti) Rating IMDb: 7.2
Solimano
L'inverno è lungo da passare anche per i fratelli Pontepee, che per disposizione della piccola arzdora Milly (Jane Powell) non possono frequentare le ragazze che hanno rapito in paese. Per fortuna il fratello più giovane, Gedeone (Russ Tamblyn) ogni giorno ne inventa una, così ogni tanto i Pontepee riescono ad essere allegri, come si vede dalla immagine sopra il post.

Gedeone è il cocco di Milly, che col marito Adamo e con gli altri fratelli la mette giù dura, ma con Gedeone si comporta proprio come una sorella maggiore (però di quelle che non rompono). E qualche riga per Russ Tamblyn è il caso di spenderla. Al tempo del film aveva vent'anni, ma già da dieci anni era nel mondo dello spettacolo, più da acrobata che da ballerino. Nella sua carriera ha partecipato a più di 80 film (compresa la TV), ma i ruoli indimenticabili della sua carriera rimangono quello di Riff, il capo dei Jets in West Side Story (1961), e quello di Gedeone in Sette spose per sette fratelli.

Le ragazze stanno rinchiuse per conto loro e i Pontepee, che farci, si trovano fra di loro, ed il tempo sembra non passare mai. Anche Adammo è stao emarginato da Milly, ma non del tutto...


Così ogni tanto qualcuno dei Pontepee trova la scusa per andare a fare toc toc alla porta dello stanzone delle ragazze. Milly sta leggendo la Bibbia, ma le ragazze non l'ascoltano, stanno tutte guardando quale dei Pontepee è sulla soglia stavolta, prima o poi capitano tutti. Poi Milly se ne accorge e fa lo sguardo severo, e le ragazze cercano di darsi un contegno, ma sono evidentemente molto interessate.

Qualche scusa la trovano anche le ragazze. Qui ne vediamo tre, fra cui non può mancare Dora (Julie Newmar), uscite per prendere la legna mentre sta nevicando.

La neve è ancora sul davanzale, ma c'è il sole. Le ragazze aprono la finestra, sta arrivando la primavera. Dettaglio importante: la strada verso il paese è in ombra, quindi resterà ancora bloccata dalla neve per diverse settimane. E ci sarà tempo e modo per i fratelli Pontepee e per le ragazze.


Difatti, all'inizio della primavera si assestano le coppie. Qui ne vediamo due, la seconda è quella di Dora e di Beniamino in veste di pollicultori. La parte di Beniamino la fa Jeff Richards, che era un giocatore professionista di baseball ed aveva già 32 anni. Nel film, la coppia Dora- Beniamino è quella che si vede meno ballare: hanno altro da fare e si sentono i più belli (secondo me hanno ragione).



Ho avuto dei problemi per ottenere dei buoni fermo-immagine per questo film, che è la mia favola preferita. I problemi non sono stati tecnici, ma dipendenti dal fatto che in questo film non stanno quasi mai fermi, sempre a ballare, saltare, cantare. Altro che fermo-immagine!
Per cui ho trovato altre due fonti di immagini di cui tre curiosamente in bianco e nero.
Nella prima c'è la scena forse più divertente del film: Milly, che in paese si è appena sposata con Adamo (Howard Keel), il Pontipee maggiore, è arrivata alla casa ed ha avuto un momento di sconforto nel constatare che oltre al marito deve accudire anche i suoi sei fratelli, rozzi e non educati. Fra l'altro si lavano poco e Milly, come primo provvedimento, vuole lavare i camicioni da notte. I fratelli non sono abituati a queste eccessive finezze di pulizia. Allora Milly minaccia di entrare nella loro camera, ed i Pontepee, impauriti, si barricano all'interno.
Nella seconda immagine c'è la coppia portante, Milly ed Adamo. Jane Powell e Howard Keel non ballano, ma sono quelli che cantano veramente.
Nella terza immagine c'è un grande balzo durante il ballo acrobatico in paese, quello in cui c'è la contesa per le donne.

In chiusura due immagini a colori che hanno tutta l'aria di essere delle foto di scena scattate durante quei magici quarantacinque giorni: tutti insieme amorosamente nellla prima, e nella seconda Howard Keel è in primo piano, ma lo sfondo è più interessante di lui.


3 commenti:

Habanera ha detto...

Mah, chissà a rivederlo ora che impressione mi farebbe 'sto film.
Quando lo vidi al cinema ero una bimbetta con l'odiatissimo ruolo di sorvegliante.
Una cugina più grande era fidanzata in casa e a quei tempi non stava bene che i due innamorati uscissero insieme da soli. Così, ogni domenica pomeriggio, mi toccava sorbirmi un film, scelto tra quelli adatti alla mia età;
tra i tanti ci fu anche questo ma non ne ho un ricordo particolarmente felice. Mettetevi nei miei panni. Avrei preferito giocare con le bambole, o farmi un bel giro in bicicletta, piuttosto che starmene rinchiusa per due ore in una sala buia e piena di fumo.
H.
P.S. Mia cugina poi ha sposato un altro. Tutta fatica sprecata!

Barbara ha detto...

Io invece mi ricordo di averlo visto realizzato a teatro e poi di essermi andata a guardare la videocassetta.

Il numero più bello secondo me (a teatro e al cinema) è quando costruiscono la casa.

Solimano ha detto...

Habanera, sarebbe bello che tu ci raccontassi la storia sul perché tua cugina ha sposato un altro: forse perché il fidanzato in casa sdocchiava di più la cuginetta piccola, quella che li accompagnava la domenica pomeriggio a vedere i film?

Barbara il film è un caso raro anche sotto questo aspetto: prima è nato il film, poi lo spettacolo teatrale che fanno ancora oggi. Normalmente succede il contrario.

grazie e saludos
Solimano