domenica 17 febbraio 2008

Fenomenologia del tenente Colombo

Fenomenologia del tenente Colombo
di Pietro Citati, Repubblica 9 gennaio 2008

La serie sul tenente Colombo è nata nel 1968. Fino al '94 sono stati girati sessantadue telefilm, poi sono state realizzate altre otto puntate, l'ultima delle quali nel 2003. In Italia le avventure di Colombo sono andate in onda dal 1979 su RaiDue e poi su Rete4, che trasmette vecchie puntate viste ancora da milioni di telespettatori: Per il ruolo del tenente, Peter Falk non fu la prima scelta, vennero interpellati Lee J. Cobb e Bing Crosby, ma entrambi rifiutarono di vestire i panni dell'investigatore italo-americano.

(segue dalla prima pagina)
Le vicende del tenente Colombo, il suo sospetto improvviso, i minimi indizi, le oscure certezze, le nebbie, le sorprese, le distrazioni, le convinzioni rafforzate, i suoi inganni, le sue finte ingenuità, le sue astuzie, le sue truffe, producono a volte una suspense quasi insostenibile.
Nei gialli di tipo «matematico», ai quali la serie del Tenente Colombo appartiene, il protagonista è di solito avvolto da un profumo alto-borghese, o intellettuale, o lievemente snobistico. Coltissimo e squisitissimo, Sherlock Holmes ha modi alla Oscar Wilde. Anche in Miss Marple, per non dire in Hercule Poirot, si avverte una buona famiglia e ottimi studi. Invece, il tenente Colombo, italo-americano, fa parte di una razza lungamente vilipesa e talvolta calunniata. La sua famiglia è modestissima: ha frequentato una scuola di infimo ordine; la sua cultura deriva dalla televisione popolare. Ha visto qualche musical con un biglietto omaggio. I ricchi protagonisti-colpevoli guardano con disprezzo il suo impermeabile stazzonato, a volle sovrapposto a un mediocre vestito da sera, la camicia e i vestiti di cattiva qualità, la cravatta sfilacciata e male annodata (c'è sempre una signora elegante che gliene regala una nuova), le scarpe sfondate, la vecchia automobile scoppiettante, il cane sgraziato, la passione per il popolarissimo chili, l'incapacità di bere e mangiare con eleganza. Appena egli entra in una casa ricca o nel negozio di un grande sarto, rivela la sua natura di paria. I salotti, gli specchi, le porte decorate, gli armadi sontuosi, gli enormi mazzi di fiori o l'enorme apparecchio televisivo, l'educata pelouse suscitano la sua candida ammirazione infantile, a volte ostentata con nascosta ironia. Gli appassionati dei gialli sostengono che uno scrittore o un regista non deve mai ripetere le proprie trovate perché annoia il pubblico. Anche qui, l'occulto responsabile della serie del Tenente Colombo ha capovolto ogni abitudine. Tutto, nella figura del piccolo tenente, è ripetizione. In ogni film, ripete i suoi tic. Fa la parte del tonto, finge di non capire, è troppo umile, permette che il ricco colpevole lo disprezzi o lo insulti, si meraviglia, guida la solita vecchissima macchina, si occupa con amore del grosso cane, ammira sciocchi libri alla moda, segue i successi musicali, allude di continuo a una signora Colombo che non vedremo mai, finge continuamente di avere dimenticato una domanda (la più importante), per ricomparire subito dopo dietro una porta suscitando sospetto e inquietudine, fruga nelle tasche alla ricerca di un importantissimo biglietto perduto... Il suo volto conosce poche espressioni. Nulla, in lui, sembra imprevisto. Ma questa serie incessante di ripetizioni è divertentissima. Ci affezioniamo alle sue abitudini. Se osasse cambiare impermeabile, ci offenderemmo, come se ognuno dei suoi tic contenesse un segreto straordinario. Malgrado le apparenze, il tenente Colombo è un genio. Cinque minuti dopo essere arrivato sulla scena, comprende chi è il colpevole. Parlare di istinto, o di abilità o di consuetudine poliziesca, è troppo poco. Egli possiede una specie di intuito medianico, che gli rivela l'assassino. Non sappiamo come né perché, né su quali indizi si basi, ma una cosa si ripete sempre: egli non ha dubbi né esitazioni. Egli sa. Appena ha ricevuto l'illuminazione, non si preoccupa di nulla d'altro. Non guarda le cose, trascura piste apparentemente importantissime, si distrae, sogna, fantastica.

Quando ha trovato la vera pista, mette in moto il suo formidabile istinto per tutto ciò che è microscopico. Annusa eventi minimi: un residuo di sigaretta, una minima discordanza temporale, un fiammifero, l'orma di una scarpa, una coincidenza falsa, il filo di un abito, un capello tinto, una sensazione improbabile, un posteggio misteriosamente asciutto. Quando ha accumulato una quantità sufficiente di dettagli (qualche volta basta uno solo), il colpevole gli cade tra le braccia, come se non potesse resistere al fascino del suo seduttore. Il tenente Colombo sembra buonissimo. Non ha mai, o quasi mai, rancori verso i colpevoli, anche se questi lo disprezzano o lo trattano male. Non si offende. Non alza la voce. Non si dà arie. Se cattura il colpevole, lo fa sopratutto per obbedire al suo dovere di poliziotto, e alle volte sembra dispiaciuto, come se il suo compito gli pesasse. Qualche assassina, specie se bella e ingegnosa, lo commuove. Quanto alla sua vita famigliare, di cui non sappiamo quasi nulla, immaginiamo che sia un marito eccellente e pieno d'attenzioni. Forse è un po' succube della moglie. Con la sua vasta parentela italo-americana, è certo tollerantissimo. Eppure, qualcosa ci induce in sospetto. Con i suoi piccoli tocchi, con le sue microscopiche invenzioni egli irretisce i colpevoli. E chi irretisce, se dobbiamo ascoltare il nostro sentimento profondo, non è mai del tutto innocente. Così, alla fine, abbiamo la sensazione che il colpevole, per quanto coperto di crimini, sia la vittima: la mosca o il topo, caduti nella rete del ragno-Colombo o nelle grinfie del gatto-Colombo. Se ci identifichiamo con lui, sia pure con cautela, affondiamo in quella parte occulta della nostra anima, che ha bisogno del male, coltiva il male, e mentre lo circuisce e lo avvolge, si immerge nella tenebra dell'universo. Sembra contento di sé. È povero, ma non gli dispiace di esserlo. Non lo sorprendiamo mai a sognare promozioni: se diventasse colonnello di polizia, dovrebbe abbandonare le sue care indagini, con tutti quei bellissimi particolari, dove egli ficca voluttuosamente le mani. È tenente, e vuole restare tenente per tutta la vita. Non desidera possedere le ricche case e i giardini che intravede, ogni volta che il delitto lo introduce nel mondo della ricchezza: l'unico dove il delitto prospera con gioia ed orgoglio. Quando va nei ristoranti alla moda, con il suo patetico cravattino a farfalla, rimpiange le modeste trattorie, i bar, il piatto di chili e le uova sode. Nessuno potrebbe attribuirgli melanconie e inquietudini. Forse non prova sentimenti: forse la moglie, che non si vede mai, non esiste affatto, e il suo proclamato sentimento coniugale è una pura istituzione pubblica. Ama appassionatamente soltanto il suo mestiere di poliziotto: non c'è una goccia di sangue, in lui, che non agogni misteri da risolvere, assassinii da rivelare, tenebre da illuminare, ordine da ristabilire.
Davanti al tenente Colombo, tutti i colpevoli, persino i più astuti e malvagi, sono indifesi; e qualche volta ci sentiamo inteneriti da un vago sentimento di pietà verso di loro. Se essi accettano il suo gioco teatrale, se credono che egli sia ingenuo come finge di essere, oppure si rivolgono alla autorità suprema (i sindaci, i governatori, i capi della polizia), allora sono perduti senza rimedio. Le fauci apertissime del gatto-Colombo li attendono. Ma non sono sicuri nemmeno se comprendono che egli è una avversario pericolosissimo. Come salvarsi da lui? Come proteggersi da qualcuno che combina l'istinto medianico con la raffinatezza razionale, che gioca con la sopraragione, o l'antiragione, e la ragione? Il povero colpevole si nasconde in un angolo; e finalmente capisce che il piccolo elfo italiano ha giocato con lui, con inimitabile grazia, la parte terribile del destino.

5 commenti:

Brianzolitudine ha detto...

Credo di essermene persi ben poche, di puntate del Tenente Colombo. Ho un unico rimpianto, che quel personaggio investigativo, nella continua reiterazione del format, abbia bruciato un attore bravo come Peter Falk su un personaggio, come accadde per Cojak per il buon Savalas.

Cosa che evitò, al pelo, Sean Connery, smettendo di fare Bond.

Giuliano ha detto...

Beh, non è che Falk si sia proprio "bruciato" su Colombo: se lo vedi nei due film film di Wenders dove interpreta se stesso, Wenders lo lascia libero e lui si diverte un mondo a rifare Colombo e a far finta di essere Colombo.
Per Savalas non andò così, ma forse Savalas (e Tom Selleck, e la "strega" Elizabeth Montgomery)sono stati meno fortunati nella scelta delle compagnie.

Roby ha detto...

Alcune immagini sono tratte dal telefilm dove la colpevole è una matura ma affascinante Faye Dunaway, che arriva a flirtare con Colombo pur di ingraziarselo, e riesce persino a rubargli un bacio! Episodio straordinario: specialmente perchè, sotto sotto, secondo me al tenente la bella Faye non era affatto indifferente, e forse -per la prima volta nella sua lunga carriera- si è rammaricato di dover compiere il suo lavoro di poliziotto...

PS: ricordate? Una volta, Colombo aveva cambiato impermeabile (un regalo della moglie, se non erro) ma prima della fine della puntata è tornato al suo, così comodo e rassicurante. E quando è entrato, così vestito, in una mensa per poveri per fare indagini, la suora lo ha scambiato per un homeless bisognoso: IMPAGABILE!!!!

barbara ha detto...

La cosa geniale era far vedere fin da subito chi era l'assassino, così da non distrarre lo spettatore dal gioco del gatto col topo che tanto bene descrivi. Ci fu solo una puntata dove questo non accadde (quella del marinaio) e infatti fu una delle meno belle.
E se non ricordo male ci fu solo una puntata dove lui alla fine non arresta l'assassino ma un sospetto che sa fin dal principio essere innocente: lo fa perchè l'assassina in questione aveva una malattia incurabile e sarebbe morta di lì a un paio di mesi, quindi il suo errore non è un vero errore ma un atto di pietà. Troppo forte.

Solimano ha detto...

Ci sarebbe da chiedersi il perché del successo del tenete Colombo, che piace a quasi tutto, me compreso. Il punto chiave è che Colombo non fa il rozzo, è rozzo. E questo che irretisce il pubblico, che se facesse il rozzo senza esserlo non abboccherebbe. Questo rende fluidissimo il processo di identificazione, come, su un piano del tutto diverso succedeva con Mike Bongiorno (Umberto Eco aveva ragione, nel suo famoso saggio). Chissà, o il titolista o lo stesso Citati hanno trovato il titolo "Fenomenologia di..." per inconscio ricordo del saggio di Eco. Il mondo è pieno di persone che sanno fare benissimo solo una cosa e che nelle altre sono come bambini dell'asilo. Poi c'è la componente della vittoria di Cenerentolo-Colombo, e tutti siamo contenti perché siamo con lui, siamo lui, vinciamo, solo che dovremmo ricordare di non possedere le sue vere e ben delimitate doti, mentre magari ci accomuna un aspetto da sfigati, che una dote non è. C'è un altro che ha qualcosa che somiglia a Colombo, però su un piano veramente drammatico, quindi ben diverso: è Smiley di Le Carré.

saludos
Solimano