sabato 27 dicembre 2008

Un bacio appassionato

Ae Fond Kiss di Ken Loach (2004) Sceneggiatura di Paul Laverty Con Atta Yaqub, Eva Birthistle, Ahmad Riaz, Shamshad Akhtar, Shabana Akhtar Bakhsh, Ghizala Avan, David McKay, Raymond Mearns, Gary Lewis, Shy Ramsan, Emma Friel, Karen Fraser, John Yule, Ruth McGhie Musica: George Fenton Fotografia: Barry Ackroyd (104 minuti) Rating IMDb: 7.3

Giulia sul suo blog Pensare in un'altra luce

“Io sono io”, dice Tahara (Shabana Bakhsh), una ragazzina, all’inizio di Un bacio appassionato di Ken Loach e continua affermando di non essere né una pakistana né una musulmana, di essere invece una giovane donna, con un viso e questo corpo, unica e irripetibile, ed esige che la sua vita sia solo sua e che nessuno la definisca con degli stereotipi o decida per lei.
Tahara è figlia di pakistani e di fronte a un’intera scuola di Glasgow rivendica di essere vista per quello che lei è come persona.

La reazione di alcuni dei suoi compagni non è come lei vorrebbe che fosse: la insultano, le sputano addosso, le rinfacciano le sue origini, offendono la sua femminilità e il suo corpo. Tahara scappa e trova rifugio e difesa nella sua insegnante di musica di fronte a cui i ragazzi si ritirano in silenzio.
E’ lì che Casim, il fratello Tahara incontra e si innamora della professoressa, la bionda irlandese e cattolica Roisin (Eva Birthistle)
Da questo momento saranno anche loro a cercare se stessi, a lottare contro i pregiudizi e le loro reciproche culture chiuse una all’altra.



Per quanto si cerchi di andare al di là delle “appartenenze”, i conti si fanno sempre con la propria storia e la propria cultura, sia che questo rapporto sia di adesione, di conflitto o addirittura di rifiuto. Il conflitto è sì con il gruppo di appartenenza, ma è anche conflitto interiore: si oscilla tra il desiderio della propria autonomia che però apre porte sconosciute e senza garanzie e la sicurezza dei confini delle comunità abbarbicate a tradizioni ataviche in cui si è abituati a muoversi.


I genitori di Casim vivono in Occidente da quarant’anni ma non si sono mai integrati completamente. Costringono, così, se stessi e i loro figli a vivere nel recinto chiuso delle loro usanze, senza accettare alcun compromesso. Casim è destinato a sposare una cugina fatta venire apposta dal paese natio.
Vivono nella speranza di poter ricreare il loro pezzettino di Pakistan in un paese che li ha accolti ma che ha altre regole e altri sistemi di relazioni sociali. I figli però non sono nati in Pakistan e non l’hanno mai conosciuto, se non attraverso i racconti, sono nati in Occidente e cresciuti a contatto con ragazzi e stile di vita occidentali. Sono orgogliosi di essere musulmani, rispettano e osservano la loro religione ma sono anche cittadini europei, con uno sguardo più aperto a quello che il resto del mondo può offrire.

Roisin, insegnante di musica in una scuola cattolica, rischia di perdere il posto ricattata da un prete intransigente, il quale per controfirmare la sua assunzione in pianta stabile esige l'annullamento del suo precedente matrimonio, la conversione del fidanzato mussulmano, nuove nozze e l'assicurazione che gli eventuali figli saranno battezzati.

Casim tenta di ribellarsi ai suoi partendo con la donna amata per una vacanza clandestina in Spagna, ma viene tosto richiamato a casa dalla mamma: se manda a monte il fidanzamento già combinato, la sorella maggiore vedrà sfumare il matrimonio con un connazionale; e intanto la sorella piccola affronta il babbo che le ha proibito di accettare una borsa di studio all'università di Edinburgo.

Casim e Roisin si amano, e questo sentimento si dimostra forte e tenace anche se con alti e bassi.
Il conflitto allora diventa conflitto tra testa e cuore, tra libertà e tradizione, tra famiglia ed emancipazione.
Il regista dice in un’intervista che ha realizzato il film perché “negli anni sessanta in Scozia c'è stata una forte immigrazione di Pakistani; le seconde generazioni vivono in maniera molto contraddittoria, fra due culture, quella d'origine e quella acquisita, dentro e fuori la tradizione familiare. Questo crea situazioni non facili e un processo di integrazione razziale "a sbalzi”

“Abbiamo fatto delle anteprime per la comunità pakistana e il film è piaciuto, soprattutto ai più giovani che dicevano "Dovrebbero vederlo i nostri parenti, i nostri zii e le nostre zie per capire cosa dobbiamo sopportare!".
Gli anziani invece sono stati più critici, soprattutto per le scene intime fra i protagonisti.
Peccato che nel doppiaggio si perda la forza e l'originalità della lingua degli immigrati, che parlano un mix di panjabi, scozzese e dialetto di Glasgow

Pellicola abbastanza diversa questa di Ken Loach. "Ae Fond Kiss" prende il titolo da una canzone del poeta dialettale scozzese Robert Burns che racconta di due amanti obbligati a separarsi, dopo un ultimo bacio appassionato.


E in effetti i due si uniscono, poi si lasciano e poi si riuniscono...
E' un film, rispetto ai precedenti di Loach, in cui la storia d'amore ha un ruolo centrale, in cui l'aspetto sentimentale prende decisamente il sopravvento rispetto all'analisi socio-politica, un film, a mio avviso, non del tutto riuscito ma godibile e tutto sommato interessante.

Gli spunti che la pellicola sono tanti, ma affrontati con un po’ di quella superficialità e quegli stereotipi che non ci si aspetta da Loach.
E a chi lo critica per il lieto fine risponde:
«la forza di un profondo sentimento, quello di un ragazzo musulmano e di una giovane cattolica sullo sfondo della città industriale scozzese di Glasgow, molto lacerata nelle sue comunità più integraliste inclusa quella cattolica, va contro qualsiasi pregiudizio: avvicina culture, annulla gli sradicamenti di chi cerca la propria identità nella differenza dell’ incontro e smaschera ogni bugia nascosta, spesso anche per interessi economici, nel privato come nel pubblico».

Loach non prende posizione, ma mostra allo spettatore la complessità della situazione e le ragioni del singolo, invitando a riflettere sul perché sono difese con tanto accanimento. In particolare quelle del padre di Casim, il quale, come immigrato, ribadisce ogni giorno la propria identità attraverso le uniche pratiche quotidiane possibili: la lingua, il punjabi, parlato da tutta la sua famiglia (e tristemente sparito nella versione doppiata italiana) e l'osservanza dei precetti religiosi.

Comunque il film svela quel «fondamentalismo» delle società sia religiose che laiche che possono rovinare la vita personale per il rispetto di precetti arcaici. Anche solo per questo Un bacio appassionato va visto, per capire che la chiusura è a doppia mandata e il pregiudizio divora gli uni come gli altri.

«In questo senso, il pakistano Casim e la determinata, ma vulnerabile Roisin, sono trasgressivi, rompono le tradizione, come fecero Romeo e Giulietta». «Entrambi lottano contro chi osteggia un futuro che i giovani vogliono autonomo nelle scelte sentimentali, libero da ogni coercitivo legame suggerito per rispetto alle tradizioni d’ origine».


7 commenti:

Roby ha detto...

Non conoscevo questo film, ma sicuramente mi piacerebbe vederlo. Le immagini sono attraenti, e il taglio dev'essere proprio quello che garba a me!
Sul contrasto fra generazioni e nazionalità diverse, in amore, ricordo (sempre in ambito britannico) "Sognando Beckam"... certo, un'operina leggera, però carina.

Ciao, Giulia, e grazie!!!

Roby

giulia ha detto...

Ciao Roby, il film, secondo me, non è dei migliori di Loach. E' comunque gradevole. H visto "Sognando Beckam" e anch'io l'ho visto volentieri... Giulia

Giuliano ha detto...

Questo è uno dei Loach che mi mancano. Una volta non me ne perdevo uno, adesso sto perdendo i colpi... Ma Loach ha molte storie come questa, anche negli altri film. Ci sono molte belle storie d'amore, nei film di Loach: direi che in questo campo Loach è bravo come Rohmer e come Truffaut, solo che forse non ci tiene a farlo sapere in giro.

Solimano ha detto...

A guardare le immagini, sembrerebbe più lieto di come è normalmente Loach. Però la struttura della trama è tipicamente sua.
Giulia, stai diventando sempre più brava con le immagini, però due in più sono riuscito a metterle. Mi stai tirando il collo...

grazie Giulia e saludos
Solimano

Anonimo ha detto...

For this reason, you are looking for for making absolutely sure you will be acidulation with acceptable and ascertained payday accepted loan to your bank account for. Most payday lenders will want their money back as soon as in the form of Payday Loans. You will be surprised how these loans have accumulate into an that can lag on for years accommodated to years, acquirement your abjure your needs and wants biannual. In fact it only accomplished fact out that you pay back way they have been repaid. Payday loans are Cinerama term loans that are given to your paycheck arrives is a affairs of concern. Sometimes, you arm be struck with cash in the achievement you be caught napping to pass very importantimportant information by ad hoc measure of fax. [url=http://paydayloansquicklm.co.uk]paydayloans[/url] Applying for Payday Cash LoansThe individual can acquiesce an accounting for new borrowers a amends abridgment.

Anonimo ha detto...

Such as pills, and other dieting methods that aren't as "traditional" or natural. To live healthily you've to get informed about true principles of weight-loss, and know practical ways that you simply, personally, is capable of your goals buy phen375 complete salads in many cases are pre-packaged in supermarkets. For example, in case you work Monday through Friday, perhaps Saturday morning before breakfast will work best for you. People come if you ask me all of the time complaining that these are doing exercises although not slimming down http://www.phen375factsheet.com none of that is close to where sherrrd like them being -- or should be. Pills and supplements usually are not monitored by the FDA and may not be safe [url=http://www.phen375factsheet.com/]phen375[/url] this is the reason gyms also have gained popularity today and have started to become an excellent supply of income for businessmen.

Anonimo ha detto...

buy ativan ativan side effects senior citizens - how to buy ativan